Enigma Cassano: convoca conferenza stampa per lasciare il calcio, poi ci ripensa

Cassano Sampdoria

Antonio Cassano ancora protagonista di un siparietto grottesco nel corso del ritiro con il Verona, ecco cosa è accaduto oggi.

Antonio Cassano si è sempre contraddistinto per essere un personaggio bizzarro, spesso al limite del grottesco. Oggi ha deciso di dare un nuovo saggio del proprio modo di essere, convocando una conferenza stampa in mattinata per annunciare il ritiro, per poi cambiare idea solo qualche ora dopo.
Dopo avere allarmato i tifosi del Verona che lo avevano accolto a braccia aperte dopo l’ufficializzazione del suo arrivo in gialloblu, ha chiesto scusa a tutti ed è tornato ad aggregarsi al gruppo per proseguire il ritiro.

‘Scusate tutti – ha dichiarato Fantantonio per ufficializzare il contrordine – ho avuto un momento di debolezza e volevo dire basta. I dirigenti del Verona mi hanno aiutato a superare il momento, quindi annuncio che non mi ritiro. Non voglio fare altre cazz…, questa sarebbe stata clamorosa’. Nella conferenza stampa di mezzogiorno, aveva argomentato la sua voglia di appendere le scarpe al chiodo con la nostalgia di casa e della propria famiglia. Poi le scuse a tifosi, giornalisti e dirigenti del Verona.

‘Voglio comunicare la mia non scelta – ha dichiarato Cassano – è stato un momento di grande debolezza. La scelta non è quella che sapete e che si dice in giro in queste ore, ovvero che lascio Verona e smetto. Io voglio continuare a giocare, ho avuto un momento debolezza stamattina, ho sempre ragionato con la pancia, ma stavolta ho sbagliato a dire basta. Continuo a giocare’. Decisivo l’intervento dei dirigenti dell’Hellas Verona che lo hanno convinto a non lasciarsi scoraggiare dal duro lavoro affrontato in questi giorni per smaltire i 7 kg in più. Adesso si spera che Cassano possa meritarsi le scuse dei tifosi veronesi, disputando una stagione all’altezza del proprio talento.

Be the first to comment on "Enigma Cassano: convoca conferenza stampa per lasciare il calcio, poi ci ripensa"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*