Europa League, Fiorentina e Roma ipotecano gli ottavi

Spalletti Roma

Nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League, Fiorentina e Roma non hanno di certo sfigurato, ipotecando il passaggio del turno con delle ottime prestazioni. I giallorossi, in particolare, hanno vinto con un larghissimo 0 – 4 sul campo non semplice del Villarreal, con una tripletta a dir poco sontuosa del sempre più decisivo Edin Dzeko. Per i viola, invece, è stato sufficiente lo 0 – 1.

La Fiorentina è stata autrice di una gara di grandissima personalità, che, contro ogni pronostico, le ha permesso di avere la meglio sul difficile campo del Borussia Monchengladbach. I tedeschi, nonostante la padronanza territoriale, sono infatti stati costretti a cedere il passo, dinanzi all’eurogol messo a segno da Federico Bernardeschi: l’esterno viola, nel giorno del suo ventitreesimo compleanno, è riuscito a trovare il colpo grosso direttamente da calcio piazzato al 44° minuto di gioco, sparando un sinistro a giro micidiale proprio sotto l’incrocio dei pali della porta difesa da Sommer.

Una partita per la verità vissuta con una certa sofferenza dalla Fiorentina, soprattutto nel primo tempo: i toscani hanno infatti rischiato a più riprese di subire il gol, venendo salvati sia da Tatarusanu, sia dal palo, sia dall’imprecisione degli attaccanti teutonici. Più equilibrata invece la gara nella seconda frazione di gioco, con gli uomini di Sousa capaci di conservare il vantaggio fino al termine delle ostilità. Una vittoria dunque molto importante per la Fiorentina, in vista della sfida di ritorno dei sedicesimi fra le mura amiche del Franchi.

La sfida della Roma è stata decisamente più semplice e divertente, poiché i giallorossi hanno dominato il match in lungo e in largo fino alle sue battute finali. Il mattatore, chiaramente, è stato Edin Dzeko: lasciatosi alle spalle una stagione terribile come quella scorsa, il bosniaco sta diventando sempre più decisivo, rendendosi protagonista di una tripletta a dir poco incredibile, maturata nel secondo tempo, nell’arco di appena 21 minuti di gioco.

Nella prima frazione di gara, invece, era stato Emerson ad aprire le danze, con uno strabiliante esterno a giro dalla lunga distanza capace di lasciare l’intero stadio a bocca aperta. E per la Roma, adesso, gli ottavi sono vicinissimi.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*