Di Francesco rifiuta l’etichetta di aziendalista: ‘E’ un momento in cui la società ha bisogno di soldi..’

Ecco uno stralcio della conferenza stampa di Eusebio Di Francesco il giorno prima del posticipo tra Roma e Sampdoria.

Nonostante dal mercato non arrivino buone notizie, Eusebio Di Francesco non perde l’ottimismo e in conferenza stampa dispensa perle di saggezza. ‘Il mercato non dorme mai – ha dichiarato il tecnico giallorosso – bisogna vedere le nostre mosse, cercare di vedere se metteremo qualcosa a destra o a sinistra. Faremo le nostre valutazioni. A sinistra abbiamo Jesus, Moreno, Kolarov, a destra abbiamo solo Peres e Florenzi. Kolarov a livello fisico ha dato risposte importanti, poi è vero che è stato meno lucido. Dovrò valutare se utilizzarlo o meno. Il problema più grande è il concretizzare la grande mole di gioco che produciamo’.

Il problema del gol rischia di minare una stagione iniziata in maniera molto positiva. ‘Il gol – prosegue Di Francesco – è un problema che ci portiamo dietro da tempo. Per quello che abbiamo creato non possiamo fare solo un gol, creiamo tante occasioni. Il difetto più grande sono i gol non fatti che quelli presi. Dobbiamo cercare di fare gol. È arrivato il momento giusto per tornare a fare qualche gol in più’. I problemi della Roma sono coincisi anche con il calo di rendimento di Nainggolan, che l’anno scorso ha segnato parecchio. ‘Nainggolan ha avuto un paio di occasioni importanti per fare gol. Sono anche dei momenti. L’anno scorso calciava da 35 metri e la metteva sotto l’incrocio. Deve ritrovare determinate sicurezze, deve sfruttare ancora meglio le sue potenzialità. Mi piace come interpreta tutti e due i ruoli. Lo valuterò anche per questa gara’.

Nonostante siano ormai con la valigia in mano, Dzeko e Emerson potrebbero trovare spazio nel posticipo contro la Sampdoria: ‘ Se sarà necessario li farò giocare. Ho chiesto Messi però mi hanno detto che non è possibile. Ragazzi ho detto che non faccio conti in tasca alla società, non chiedo che la Roma o io volessimo privarci di giocatori importanti, se lo facciamo è perché bisogna incassare dei soldi o bisogna rispenderli. Io voglio dire se vogliamo parlare aziendalista o non aziendalista potete dire quello che vi pare. Quando fai questo lavoro ti trovi in situazioni che non ti aspetti, le risposte più adeguate le devo dare io, lo ha fatto il direttore che tornerà a parlare.Dzeko lo userò fino a che lo avrò e spero di averlo fino a fine stagione. Per il resto faccio il mio lavoro sperando di farlo al meglio, ci sono cose chiare che mi sono state dette: o accetti o fai un altro discorso e te ne torni a casa’.

Be the first to comment on "Di Francesco rifiuta l’etichetta di aziendalista: ‘E’ un momento in cui la società ha bisogno di soldi..’"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*