Italia immensa, Spagna annichilita: le pagelle

Italia a dir poco straordinaria nell’ottavo di finale di Euro 2016, dove era considerata come sfavorita. Eppure, gli Azzurri hanno dato prova di incredibile determinazione dominando a larghi tratti l’incontro e, trovando uno straripante 2-0. Ecco le pagelle.

Buffon 7,5 – Incredibile. Certo, quando hai quei tre lì davanti a proteggerti è tutto più facile, ma bisogna essere straordinariamente concentrati anche quando subisci soltanto tre tiri: e l’ultimo su Piqué, praticamente, ha salvato la vittoria.

Barzagli 7 – Si prende in custodia l’ex compagno di squadra Morata, e lo addomestica con una serenità che sembra quasi imbarazzante. L’unica sbavatura della sua partita per poco non regalava il pareggio spagnolo, ma Buffon salva tutto. Va bene anche così.

Bonucci 6,5 – L’avversario è di livello, ma lui non si scompone e ancora una volta dà vita ad una grande prova, riscattando la brutta prestazione contro l’Irlanda.

Chiellini 8 – Probabilmente il migliore in campo, e non soltanto per il gol che, di fatto, spalanca le porte per la vittoria dell’ Italia. Azzanna tutti, respinge i palloni con ogni mezzo possibile. Sarà brutto, cattivo, sporco, ma è un mostro ed è praticamente insuperabile.

Florenzi 6 – Non ha le qualità di Candreva nel puntare l’uomo, e allora prova a compensare con la corsa dando vita ad una gara di grande determinazione. Esce spompato anche lui. (Dall’85° Darmian 6 – Entra negli ultimi minuti per dare maggiore copertura, e lo fa benissimo. Mette anche lo zampino sul raddoppio, con un assist sporcato da un avversario.)

Parolo 6,5 – Un lavoro oscuro, ancora una volta. Combatte in silenzio, e a larghi tratti limita tantissimo Iniesta, il maggior spauracchio avversario.

De Rossi 6,5 – Un’altra partita da trincea, e lui, con istinto da guerriero, risponde presente. Meglio in fase difensiva che in quella offensiva, comunque. Esce anche a causa di un pestone. (Dal 54° Thiago Motta 6 – De Rossi non ce la fa e Conte è costretto a buttarlo nella mischia. E lui gioca in maniera ordinata, anche se senza grossi picchi. Peccato per quel giallo che lo costringerà a saltare il quarto di finale con la Germania.)

Giaccherini 6,5 – Il simbolo di questa Italia fatta di corsa, umiltà e sacrificio. In generale, è uno dei migliori Azzurri, finora, in questo Europeo. E pensare che c’era chi non lo voleva tra i convocati.

De Sciglio 7 – Partita di grandissimo spessore. Corre tantissimo, cerca di proporsi pur non avendo i mezzi tecnici degli avversari, e quando c’è da picchiare non si tira indietro. Tra i più positivi, ed è un’ottima notizia anche per il prosieguo del cammino dell’ Italia.

Eder 6,5 – In combinazione con Pellè, contro i poco concentrati difensori spagnoli, è letteralmente micidiale. Corre, prova a ispirare i compagni, e da una sua punizione nasce il vantaggio di Chiellini. Alla lunga spende tutte le energie che ha, ed esce sfiancato. (Dall’82° Insigne 6 – Entra e dà subito vivacità ad una squadra in debito d’ossigeno. Contribuisce al gol del raddoppio.)

Pellè 7 – La miglior partita del suo Europeo finora. Per un’ora buona fa salire la squadra, dialoga tantissimo con i compagni e crea tantissimi spazi. Il suo gol è una sorta di fotocopia di quello già fatto col Belgio. Preziosissimo.

Conte 7,5 – Al termine di Euro 2016, comunque andrà a finire, lascerà la panchina dell’ Italia, ed è veramente un peccato. Forse il vero uomo in più per gli Azzurri: questa “vendetta” contro la Spagna è per gran parte merito suo.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*