Juventus in HD, Bologna piegato allo Stadium

Juventus Stadium

Dopo una chiusura d’anno tutt’altro che brillante, culminato con la sconfitta nella finale di Supercoppa Italiana contro il Milan, il 2017 inizia nel migliore dei modi per la Juventus. I campioni d’Italia, infatti, allo Stadium, inanellano l’ennesima vittoria, sconfiggendo nettamente un Bologna praticamente mai in partita.

Al netto dell’acquisto di Rincon, la Juventus ha iniziato la propria gara con la “vecchia” guardia, riproponendo tuttavia il 4-3-1-2 che Massimiliano Allegri ha già sperimentato nel corso delle ultime uscite. Con una novità, però: il rientro di Paulo Dybala dal primo minuto, in combinazione con l’altro attaccante argentino, mister “90 milioni” Gonzalo Higuain.

La Juventus è partita dunque con Neto in porta (Buffon, reduce da uno stato febbrile, non era stato convocato), poi una linea difensiva composta da Lichtsteiner, dall’altro rientrante Barzagli, da Chiellini, e completata da Asamoah schierato come terzino sinistro. Evra, ormai sul piede di partenza, è infatti rimasto fuori dalla lista dei convocati. A centrocampo, Sturaro è stato confermato insieme ai vari Marchisio e Khedira, mentre Pjanic è stato schierato dietro le due punte.

Il Bologna ha risposto con un 4-3-3 forse un po’ troppo audace: davanti all’ex bianconero Mirante, ecco la linea difensiva composta da Torosidis, Oikonomou, Maietta e Masina. A centrocampo, ecco Donsah, Viviani e Dzemaili. In attacco, infine, il centravanti Destro è stato inizialmente coadiuvato da Di Francesco e Krejci.

Pronti via, la Juventus prende subito il controllo della gara e affonda già al 7° minuto con Higuain: assist centrale illuminante di Pjanic, il pipita con un gran tiro al volo di destro anticipa tutti e buca le mani di Mirante, che non riesce a trattenere la sfera. Il Bologna, trovatosi sotto, prova a reagire costringendo i bianconeri a numerosi errori, e tuttavia sul finire del primo tempo crolla: al 40°, Oikonomou commette un’ingeinuità su Sturaro, e Dybala trasforma il calcio di rigore che permette alla Juventus di tornare negli spogliatoi con due reti di vantaggio.

Nella ripresa il copione non cambia, Madama controlla il match e affonda nuovamente il colpo, per il definitivo 3-0: al 55° bella combinazione tra Khedira e Lichtsteiner, cross dello svizzero e nuovamente Higuain, indisturbato in area, insacca di testa. La gara a questo punto non ha più molto da dire, a parte le sostituzioni di rito. Juventus che torna dunque a +4 sulla Roma, e con ancora una partita da recuperare.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*