La Juventus saluta Patrice Evra: è del Marsiglia

Evra Juventus

Una delle trattative in uscita più chiacchierate di questa sessione di calciomercato invernale in casa juventina, è stata senza ombra di dubbio quella relativa a Patrice Evra. Il terzino sinistro francese, ormai scivolato fuori dal progetto bianconero e reduce da alcune prestazioni non propriamente brillanti, voleva comprensibilmente giocare di più, per quelli che saranno i capitoli finali di una carriera ormai giunta al tramonto.

D’altronde, Patrice Evra, il prossimo 15 maggio, compirà 36 anni: giunto alla Juventus nell’estate del 2014, ben presto è riuscito ad affermarsi come una delle colonne portanti della squadra, divenendo una fra le voci più autorevoli dello spogliatoio. Due anni e mezzo con la casacca bianconera, nel corso dei quali ha conosciuto tante gioie e relativamente pochi dolori, che però ancora adesso bruciano e fanno male: la finale di Champions League persa contro il Barcellona nel giugno del 2015, ad esempio. O, sempre nella massima competizione europea, l’ottavo di finale contro il Bayern Monaco sfumato anche a causa di un suo errore.

Il conseguente quanto inevitabile calo fisico, l’esplosione del brasiliano Alex Sandro, il ritorno in grande stile di Asamoah (parso in grandissimo spolvero contro il Milan, nel recente quarto di finale di Coppa Italia), e l’adattamento al nuovo ruolo di Mario Mandzukic (che come ala ripiega spesso e volentieri a dare una mano in difesa), sono stati gli ingredienti che hanno portato alla separazione consensuale di Evra e della Juventus. La nuova destinazione, dunque, porta al Marsiglia dell’ex allenatore romanista Rudi Garcia: a parametro zero, data l’età, e che comunque consentirà alla Vecchia Signora di risparmiare lo stipendio che avrebbe dovuto dedicare al giocatore fino al termine della stagione.

Una soluzione consensuale, come dicevamo, tanto che la Juventus ha sfruttato i propri profili social per salutare apertamente Evra, ringraziandolo per quanto ha saputo dare alla causa bianconera nel corso della sua permanenza alla Vecchia Signora. “Classe e carisma, merci Patrice.”

Leave a comment

Your email address will not be published.


*