Neymar, una vita in una prigione dorata

Barcellona Neymar

Una delle telenovele più seguite e più appassionanti di questa sessione estiva di calciomercato, è senza ombra di dubbio quella che vede coinvolto l’attaccante brasiliano Neymar. Giocatore di grande talento ma spesso controverso, a lui appartiene ancora adesso il record del trasferimento più oneroso della storia del calcio. Al Paris Saint Germain, nell’estate del 2017, per prelevarlo dal Barcellona servirono infatti ben 222 milioni di euro.

Barcellona NeymarIn due stagioni, tuttavia, Neymar non è riuscito a farsi amare all’ombra della Tour Eiffel, e anzi, spesso si è fatto notare soprattutto per i fatti extracalcistici che per quanto fatto vedere in campo. D’altro canto, ci si aspetterebbe che un giocatore così pagato giochi praticamente sempre. Invece, tra infortuni e polemiche varie, la statistica delle presenze di O’Ney non è così alta come ci si aspetterebbe: 58 presenze in due anni, per un attaccante ancora molto giovane, non sono poi così tante.

Ma Neymar avrebbe anche palesato più volte il desiderio di far ritorno al Barcellona, anche per riabbracciare uno spogliatoio che non lo hai dimenticato. La dirigenza blaugrana ci sta provando, ma gli sforzi fatti per prendere de Jong dall’Ajax e Griezmann dall’Atletico Madrid sono già stati piuttosto pesanti. Tanto che la prima offerta, più che denaro cash (ciò che realmente vorrebbe il Paris Saint Germain), comprendeva contropartite tecniche: i cartellini di Coutinho e Dembelé, più un conguaglio da 40 milioni di euro. Offerta, per il momento, rispedita al mittente.

Be the first to comment on "Neymar, una vita in una prigione dorata"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*