Gli spinaci gonfiano la pancia? Risponde la medicina

70

Gli spinaci sono un alimento molto sano e generalmente non comportano controindicazioni. Logicamente ci sono categorie di persone che devono consumarli in maniera moderata o quasi nulla e parliamo di coloro che soffrono di calcoli renali e questo perché sono ricchi di calcio e ossalati. Il consumo di queste verdure non sono nemmeno indicati a coloro che assumono anticoagulanti perché dovrebbero assumere quantitativi di vitamina K molto controllati e gli spinaci contengono quantità molto elevate di vitamina K1.

Alcune teorie indicano gli spinaci come alimenti che gonfiano la pancia, ma sarà vero? La medicina in questo caso sostiene che non è assolutamente vero, perchè gli spinaci rientrano tra gli alimenti che aumentano la massa fecale e quindi accelerano il transito intestinale, quindi l’opposto di un alimento che provoca gonfiore.

Gli spinaci fanno bene agli occhi

Mangiare spinaci fa bene alla salute degli occhi, perchè la la zeaxantina e la luteina che contengono, aiutano a proteggere gli occhi dai danni causati dalla luce del sole. In più queste due sostanze prevengono la degenerazione maculare e la cataratta, che sono le principali malattie che causano la cecità. Inoltre la luteina protegge parte della retina dalla degenerazione che spesso si verifica con l’età.

Gli spinaci fanno dimagrire?

La medicina conferma ancora una volta che non esiste un alimento che faccia miracoli per la perdita di peso, ma questa è dovuta solo se si segue un regime alimentare sano accompagnato ad attività fisica.

Detto questo, c’è anche da dire che gli spinaci possono essere utili in una corretta alimentazione, poichè aiutano a migliorare la capacità del corpo di bruciare grassi. In questo modo si contribuisce a far diminuire la frequente sensazione di appetito che porta ad ingerire più calorie di quanto siano necessarie.

Gli spinaci sono ricchi di ferro?

No. Gli spinaci non sono così ricchi di ferro come si è sempre pensato. A sostenere che sono ricchi di ferro è stato un vero e proprio errore di stampa avvenuto nel 1890. Tutta colpa di una virgola fuori posto e 3 mg divennero 30 mg. In questo modo si è attribuito agli spinaci un contenuto di ferro 10 volte superiore al reale. Gli spinaci freschi contengono ferro ma per l’esattezza 2,9 mg ogni 100 grammi. Meno della rucola, tanto per rimanere tra le verdure, e sicuramente molto meno della frutta secca, delle olive, dei legumi.