Perchè il formaggio non va mangiato dopo i pasti? La risposta della medicina

99

Il formaggio fresco, stagionato, a pasta molle o di qualunque altra varietà, è sempre consumato in abbondanza sulle nostre tavole, perchè è ottimo per creare diverse ricette e anche mangiato solo. Ma c’è una domanda alla quale molti vogliono una risposta e cioè: perchè il formaggio non va mangiato dopo i pasti? Abbiamo raccolto le opinioni della medicina per dare una risposta concreta e soddisfacente.

Perchè il formaggio non va mangiato dopo i pasti? Ecco cosa risponde il medico

Secondo la medicina mangiare formaggio dopo i pasti vuol dire inserire nel nostro organismo una vera e propria bomba calorica e ancor peggio se mangiato dopo cena perchè è un cibo acidificante. In più è ricco di grassi saturi e sale e povero di calcio, quindi per essere digerito sottrae all’organismo proprio una riserva di questo minerale.

Da sfatare anche il detto dei formaggi freschi o light, i quali secondo molti possono essere mangiati a fine pasto. Assolutamente non vero, perchè il medico spiega che non esistono formaggi che possono far bene dopo i pasti, infatti anche la mozzarella ritenuta abbastanza leggera in realtà è ricca di calorie e grassi, tutt’altro che ben digeribile. Se non altro il formaggio stagionato ha l’effetto di rottura delle proteine, che ne migliora la digeribilità.

Il formaggio deve essere considerato come un secondo a tutti gli effetti, quindi mai mangiarlo a fine pasto, perchè contribuisce notevolmente al sovraccarico di calorie assunte e rallenta la digestione degli altri cibi.

Cosa si può mangiare alla fine dei pasti

Il miglior cibo da mangiare alla fine dei pasti è sicuramente la mela. ile soprattutto alle persone che desiderano ridurre la velocità di assorbimento di zuccheri e grassi, perché questo frutto, essendo ricco di fibre e in particolare di pectina, ha il potere di stimolare alcuni enzimi che contribuiscono a regolare l’assorbimento degli zuccheri.

Tutti gli altri frutti invece, è consigliabile mangiarli lontano dai pasti come spuntino, così da evitare il gonfiore di pancia e per non interferire con il processo digestivo.

La mela fa eccezione a questa regola, perchè non provoca questi disturbi. E’ sempre meglio mangiarla con tutta la buccia dopo averla lavata bene per eliminare i probabili residui chimici che si possono depositare proprio sulla buccia.

I benefici del formaggio

Il formaggio apporta il fosforo che partecipa alla crescita e alla rigenerazione dei tessuti e dona la vitamina B12 che è fondamentale per il corpo. Contribuisce alla produzione dei globuli rossi nel sangue e interviene nel funzionamento del sistema nervoso.

Il formaggio apporta lo zinco che partecipa alle reazioni immunitarie, alla percezione del gusto, alla cicatrizzazione delle ferite.

La vitamina B2 presente nel formaggio contribuisce alla crescita e alla riparazione dei tessuti, alla produzione di ormoni e alla produzione di globuli rossi.

Il formaggio apporta anche la vitamina A che mantiene la pelle in ottima salute e la protegge da infezioni. Il suo ruolo antiossidante è riconosciuto allo stesso modo come il suo ruolo per la vista. La vitamina A è anche quella che interviene nella crescita delle ossa, delle unghie e dei capelli.

Alcuni studi hanno dimostrato che il formaggio potrebbe prevenire il cancro al fegato.

Il formaggio potenzia il sistema immunitario ed è un elisir di lunga vita. Uno studio americano ha scoperto che il formaggio rende più intelligenti.

Infine, aiuta a prevenire le carie, sopratutto il formaggio stagionato, per il suo basso contenuto di lattosio.