Inter, con i prestiti si prepara il tesoretto

111
Inter

Nelle giornate in cui il calcio giocato è per forza di cose bloccato a causa dell’emergenza del coronavirus, molte squadre di Serie A stanno comunque provando ad attrezzarsi in vista della prossima sessione di mercato. L’ Inter si candida per essere una grande protagonista. La società nerazzurra già durante la scorsa estate diede vita ad alcuni grandi colpi, distinguendosi per aver portato a Milano la punta belga Romelu Lukaku. Si è trattato, però, solamente dei primi passi verso quel percorso che, idealmente, porterà il club a diventare sempre più competitivo sia in Italia che in Europa. E per farlo serviranno le risorse necessarie, specialmente in termini economici.

InterPer questo l’ Inter sta verificando soprattutto la situazione dei giocatori ceduti in prestito, che, con gli eventuali riscatti, potrebbero fruttare liquidità fresca nelle casse nerazzurre. Dopo l’operazione Gabigol magistralmente eseguita da Marotta, la società meneghina spera di ricavare introiti importanti anche da Perisic, Icardi, Nainggolan e Joao Mario. Per quanto riguarda il croato, dalla Baviera giungono segnali incoraggianti: il Bayern sta apprezzando il contributo dell’esterno, e i 25 milioni del riscatto sembrano una cifra abbordabile. Diverso il discorso per Maurito: l’argentino non si è trovato molto bene fin qui con l’allenatore del PSG, e nelle ultime gare aveva trovato pochissimo spazio. Difficile che i francesi investano i 70 milioni richiesti, a meno che non decidano poi di girarlo sul mercato (con la Juventus che rimane in prima linea per l’argentino). Per quanto riguarda Nainggolan, invece, il suo cartellino potrebbe essere utilizzato per ammortizzare il cartellino di Barella, che l’ Inter ha già deciso di riscattare.