Di che animale è la trippa? Ecco la risposta!

102
white dish with trippa

La trippa è uno degli alimenti tipici della cucina popolare e in quanto tale è consumata in tante regioni d’Italia come Sicilia, Veneto, Toscana, Lazio e Lombardia. Nato come piatto per le famiglie meno agiate economicamente negli anni bui della guerra, dove il motto era che niente andava buttato, con gli anni è diventato sempre più sofisticato e amato da tutti, oggi quella pietanza composta dalle frattaglie di carne (pezzi che prima venivano buttati), è non solo amata da tantissime persone, ma la si può trovare anche nei ristoranti di lusso.

La domanda che ci si pone è la seguente: ma di che animale è la trippa? Di sicuro è composta da pezzi di stomaco ovino e suino, ma anche di altri animali che andremo a spiegare di seguito.

Dove si può trovare la trippa

La trippa in commercio è quasi sempre già precotta. Quando si compra, al supermercato o dal macellaio, occorre fare attenzione al colore perché proprio da questo dipendono il sapore e la consistenza. Gli esperti di trippa ne sanno qualcosa, infatti affermano che bisogna sempre diffidare dalla trippa di colore bianco candido e questo è il colore della maggior parte della trippa presente nei vassoi confezionati al supermercato. Quando la trippa è bianca significa che è stata lessata troppo a lungo ed è stata sbiancata con cloro, acqua ossigenata o, nei casi peggiori, soda caustica, quest’ultima proibita anche dalla legge.

Il consiglio è quindi di acquistare questo alimento dal macellaio di fiducia e di scegliere sempre quella di colore un pò scuro che va dal grigio tendente al beige. Essendo la trippa precotta per cucinarla bisogna prima lessarla in acqua appena un pò salata e aromatizzata con il brodo di carne o il brodo vegetale più una foglia di alloro e spezie varie. Una volta scolata e lasciata intiepidire, bisogna tagliarla a strisce sottili e amalgamarla con il condimento previsto.

Di che animale è la trippa

Abbiamo accennato che di solito la trippa è composta da parti dello stomaco di ovini e bovini, ma abbiamo anche accennato che negli anni questo piatto è diventato molto più sofisticato, infatti esistono altri animali dallo stomaco commestibile e per questo si può provare anche la trippa di pesce come il merluzzo, il tonno, la coda di rospo, la spigola, la cernia e il dentice.

Che sapore ha la trippa

Definire il sapore della trippa è forse tra le cose più difficili da poter fare, bisogna assaggiarla per capire, ma proviamo per sommi capi a descriverlo. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, la trippa ha un gusto piuttosto delicato pertanto assorbe quello della preparazione, per questo motivo è accompagnata da condimenti complessi perché da sola non ha chissà quale sapore prevaricante. Inoltre, ha una consistenza callosa che non è apprezzata da tutti, per favorire la masticazione, si consiglia di tagliarla in modo sottile o a piccoli pezzetti.