Cosa succede a chi mangia finocchio? Ecco tutta la verità

70

Il finocchio è tra gli ortaggi più usati sulle nostre tavole, non solo per il loro sapore fresco e la sua croccantezza, ma soprattutto per le innumerevoli proprietà benefiche che contiene come antinfiammatorie, antimicrobiche, antivirali, antitumorali e antispasmodiche, che lo rendono un ottimo alleato per la salute.

Di questo ortaggio tutto è commestibile, dalle foglie al bulbo fino ai semi e al gambo. Nella maggior parte delle ricette il bulbo viene tagliato ed usato come aggiunta ad insalate ed altri alimenti. Contiene un numero di composti fenolici, tra cui bioflavonoidi, acidi fenolici, tannini, cumarine e acidi idrossicinnamici.

I semi invece sono ricchi di antiossidanti flavonoidi e contengono una fonte concentrata di micronutrienti e da questi si produce un olio molto nutriente.

Ma cosa succede a chi mangia finocchio? Magari anche tutti i giorni? Risponderemo a queste domande nei prossimi paragrafi.

Le proprietà del bulbo del finocchio

Il bulbo del finocchio è un ottimo alleato per la salute, contiene circa 73 calorie, in più è ricco di proteine, carboidrati ed è fonte di Vitamina C, al contrario i grassi sono quasi del tutto assenti, mentre è totalmente assente il colesterolo.

La Vitamina C è un potente antiossidante, che combatte i radicali liberi che attaccano le cellule del nostro organismo e sono la causa principale del precoce invecchiamento della pelle, ma la stessa vitamina aiuta anche a proteggere il nostro sistema immunitario.

Nel bulbo è presente pure la Vitamina A, la Vitamina B6, la Vitamina K e il folato. Massiccia anche la presenza di minerali come ferro, calcio, rame, zinco e selenio.

Cosa succede a chi mangia finocchio? La risposta che fa felice

Esiste un detto che dice “Chi mangia finocchio ogni giorno non muore mai” e questo perchè sono davvero molteplici i benefici che questo ortaggio offre alla salute, per questo chi mangia finocchio anche tutti i giorni fa felice la propria salute.

Il finocchio infatti, rinforza le ossa grazie al contenuto di calcio e può essere utile soprattutto per coloro che possono avere carenza di questo minerale.

La Vitamina C presente nel finocchio aiuta a mantenere la pelle sana e combatte la formazione delle rughe, in più riduce i danni che possono provocare alla pelle i radicali liberi.

L’alto contenuto di potassio e quello molto basso di sodio aiutano a regolare la pressione sanguigna e questo perchè il potassio combatte il sodio avendo sempre la meglio, infatti una dieta a base di potassio riduce la pressione sanguigna sistolica di 5,5 punti rispetto ad una dieta ricca di sodio.

Un altro beneficio del finocchio è quello di aiutare la digestione grazie alla presenza di fibre che liberano dalle tossine che si depositano nell’organismo. Il finocchio può anche essere utile nei casi di reflusso acido.

La fibra ha anche un’altra proprietà, quella di donare un forte senso di sazietà aiutando quindi anche perdere peso se il finocchio viene mangiato come spuntino lontano dai pasti.

Sempre grazie alle fibre il finocchio riesce a mantenere sani i livelli di colesterolo e stimolano l’eliminazione di LDL dannosi o colesterolo cattivo.