Il peperoncino è una spezia? Ecco la verità

296

Il peperoncino è usatissimo nelle nostre cucine, non solo per il suo sapore che rende piccante tantissime pietanze, ma soprattutto per i suoi benefici che apporta al nostro organismo avendo un ruolo fondamentale per il benessere di alcuni organi. Il peperoncino nel linguaggio comune viene identificato come una spezia, ma è veramente questa la sua classificazione? Scopriremo la verità nel prosieguo dell’articolo.

Cosa è il peperoncino

Di origine sudamericana, quello del peperoncino è un arboscello perenne che raggiunge mediamente 100 cm di altezza. Produce foglie verdi e fiori bianchi (5-7 petali), dai quali si sviluppano le bacche indeiscenti ricche di semi. Nei luoghi di origine ha un ciclo riproduttivo perenne, mentre nei climi più rigidi (come in Italia) è annuale. Inizialmente verdi, con la maturazione i frutti del peperoncino crescono, assumono una forma caratteristica e possono arricchirsi o meno di carotenoidi (come la capsantina), cambiando totalmente di colore.

In base alla tipologia di peperoncino, il colore delle bacche mature può essere verde, rosso, giallo, arancione, viola, marrone e quasi nero. La dimensione è compresa tra 2 e 10 cm o più. La forma può variare da: a corno, sferica, a cubo ecc. Cambiano anche l’aroma, il sapore e la piccantezza.

Le proprietà del peperoncino

Il peperoncino è ricco di sali minerali tra cui rame, potassio e calcio e di carotenoidi, bioflavonoidi e lecitina. Attiva il metabolismo e aiuta la digestione in quanto favorire la secrezione di succhi gastrici.

Il peperoncino è un potente antinfiammatorio utile in caso di raucedine e tosse, cura i dolori reumatici e l’artrite, è ricco di vitamine A, B, E, K e C, difende dalle infezioni e dalle malattie stagionali da raffreddamento.

Questo alimento svolge inoltre un’azione antistaminica e può essere usato per curare asma e allergie. Ma per quanto riguarda l’apparato cardiocircolatorio il peperoncino è affidabile? Il peperoncino fa bene o fa male al cuore? Cerchiamo di chiarire la verità su questo dubbio.

I benefici del peperoncino sul cuore

Il peperoncino ha effetti positivi sul sistema cardiocircolatorio, protegge il cuore, riduce la mortalità del rischio infarto del 13%, può essere addirittura considerato un rimedio per allungare la vita di una persona.

Il peperoncino è benefico per le arterie, previene problematiche come ictus e cardiopatie, migliora la circolazione sanguigna, è un cardioprotettivo che ha proprietà di vasodilatazione anticolesterolo. Questa spezia permette ai capillari di restare elastici, migliorando l’ossigenazione del sangue. Tutto questo è merito degli acidi grassi insaturi presenti nel seme del peperoncino, che rinforzano i vasi sanguigni.