La Juventus perde i pezzi: Barzagli lascia lo staff

63
Juventus

A quasi un anno di distanza dall’addio sul campo, Andrea Barzagli lascia la Juventus anche da membro dello staff tecnico di Maurizio Sarri. Una decisione evidentemente sofferta quella dell’ex difensore bianconero, 39 anni compiuti appena qualche giorno fa. Ma necessaria, per riabbracciare quella famiglia che, a seguito dell’emergenza coronavirus, è rimasta confinata in Toscana.

JuventusAndrea Barzagli si era unito allo staff di Sarri giusto qualche mese fa, chiamato a furor di popolo dalla Juventus per rinsaldare una difesa parsa non più invulnerabile come invece nei tempi migliori. L’ex centrale di Fiesole, che in bianconero ha composto una delle retroguardie più ammirate e più forti del Vecchio Continente (insieme ai compagni Leonardo Bonucci e Giorgio Chiellini), era ancora considerato un elemento a dir poco imprescindibile per la Vecchia Signora.

Questo il lungo messaggio che Barzagli ha affidato ai social, per salutare e ringraziare chi l’ha sostenuto in questa sua seconda, seppur breve avventura in bianconero:

Ho deciso di fare una scelta di vita. È stata una scelta di cuore! Non per questo non sofferta. Ma sentivo l’esigenza di vivere maggiormente la mia famiglia che, silenziosamente in tutti questi anni, ha appoggiato e accompagnato le mie scelte professionali.
Ho scelto di privilegiare, oggi, una famiglia a dispetto di un’altra, la Juventus, a cui sarò sempre legato ed eternamente grato. Ma era giusto scegliere.
Il mio pensiero corre a chi mi ha dimostrato sempre la massima stima e la totale vicinanza professionale e umana. Il Presidente, il mister, Fabio e Pavel. Figure che hanno contribuito alla mia crescita e che con discrezione e amicizia hanno camminato al mio fianco.
I GRAZIE sarebbero tantissimi. I compagni, i tifosi, i professionisti che lavorano ogni giorno per rendere la Juventus ciò che è! Riassumo tutto in un grande e gigantesco: #finoallafine forza @juventus!
Sempre vostro, Andrea!