Abbassare la glicemia in maniera naturale: cosa mangiare?

94

La dieta e l’esercizio sono due pilastri fondamentali nella lotta contro l’iperglicemia. Cosa mangiare per abbassare la glicemia? Fra gli alimenti che aiutano a tenere sotto controllo i livelli di zuccheri nel sangue in maniera naturale sono inclusi la farina d’avena (ricca di fibre), le verdure povere di amido (come gli spinaci, i broccoli e i fagiolini) e le fragole (ottime come snack perché molto meno ricche di zuccheri di quanto potrebbe dare ad intendere la loro dolcezza).

Cosa fare per abbassare la glicemia in maniera naturale

Consumare cibi e bevande che abbiano un basso indice glicemico (GI) permette di tenere bassa la glicemia in maniera naturale. Ciò significa che questi alimenti non aumentano la glicemia e permettono di evitare un picco di zuccheri nel sangue. Oltre a cambiare dieta, è importante anche rimanere attivi e fare esercizio fisico.

I cibi da mangiare per abbassare la glicemia

Questo l’elenco dei cibi che se introdotti nell’alimentazione permettono di abbassare la glicemia in maniera naturale.

L’avocado

Acidi grassi polinsaturi e acidi grassi monoinsaturi presenti in abbondanza nell’avocado permettono di tenere sotto controllo la glicemia. Possono migliorare la sensibilità all’insulina, aumentare il senso di sazietà e hanno un impatto positivo sulla pressione sanguigna e l’infiammazione. Gli studi hanno dimostrato che gli avocado possono ridurre il rischio di sindrome metabolica. Questo è un fattore di rischio che può aumentare il rischio di diabete e il rischio di malattie dei vasi sanguigni come malattie cardiache e ictus. Gli avocado hanno un IG basso.

Il pesce

Sono acidi grassi polinsaturi che vengono definiti “essenziali”. Il nostro corpo non è in grado di produrli e, pertanto, devono essere assunti con la dieta. Gli Omega-3 sono uniti da un doppio legame e combinano una molecola di glicerolo e tre di acidi grassi e sono fondamentali per il buon funzionamento del nostro organismo poiché costituiscono la fonte principale di energia.

Diversamente da altri grassi saturi, come i trigliceridi che hanno un effetto dannoso sul nostro organismo, gli Omega-3 hanno un effetto benefico sulla nostra salute agendo a molti livelli: stimolano le cellule del sistema nervoso rallentando il declino cognitivo, riducono la probabilità di sviluppare reazioni infiammatorie, aumentano le difese immunitarie, facilitano la reazione antinfiammatoria, facilitano la produzione di ormoni, evitano l’accumulo dei grassi sulle pareti arteriose bloccando l’indurimento dei vasi, proteggono il sistema cardiovascolare con conseguente riduzione del rischio di malattie coronariche, ipertensione, aterosclerosi e trombosi.

Gli Omega 3 si trovano principalmente nei pesci azzurri dei mari freddi quali salmone, tonno, merluzzo, sgombro ed acciughe. Gli Omega 3 sono anche presenti anche in alimenti quali semi di lino, olio di lino e noci.

L’aglio

L’aglio aiuta a gestire il livello di zuccheri nel sangue. I report mostrano che l’assunzione di aglio può abbassare la glicemia a digiuno. Studi simili suggeriscono anche che le cipolle hanno effetti positivi sui livelli di zucchero nel sangue.

L’aglio non ha un indice glicemico perché non contiene carboidrati e non aumenterà i livelli di zucchero nel sangue. L’aglio è inoltre un potente afrodisiaco naturale.

Le amarene

Mentre tutti i frutti possono aumentare i livelli di zucchero nel sangue, alcuni hanno un punteggio GI inferiore, tra queste le amarene. Le amarene hanno una sostanza chimica chiamata antociani. Gli studi hanno prodotto prove sperimentali dimostrando che gli antociani possono proteggere dal diabete e dall’obesità.

Se si ama consumare frutta, provare a mangiare più amarene invece di banane, pere e mele. Assicurarsi di utilizzare le amarene poiché le ciliegie normali hanno un punteggio GI da moderato ad alto.

Altri cibi che aiutano ad abbassare la glicemia

Oltre a quelli già elencati esistono anche altri cibi che aiutano ad abbassare la glicemia e tra questi ci sono: il cacao, le mandorle, i cereali integrali, le uova, frutti di bosco, verdure a foglie verdi e l’aceto di mele.