Cosa succede a chi smette di bere caffè? Ecco la verità

271

Cosa succede a chi smette di bere caffè? Per chi decide di eliminare del tutto il caffè potrebbero arrivare degli effetti collaterali non sempre positivi. Se da un lato, infatti, migliora il sonno e il sorriso dall’altro lato si abbassa la concentrazione. I problemi più seri quando non si beve più caffè si hanno nelle prime settimane. Gli effetti negativi vanno dal mal di testa agli attacchi di fame. Dopo un paio di settimane, però, ci si comincia a sentire meglio. Attenzione quindi, perché nella prima settimana senza caffè compaiono mal di testa e difficoltà di concentrazione. Il caffè, infatti, stimola degli ormoni come l’adrenalina, che favoriscono proprio la concentrazione al mattino. Quando non si beve più caffè si sviluppa l’adenosina, un ormone che ci fa sentire più stanchi. Si tratta però di un effetto che va via dopo i primi giorni. I medici, per questo, consigliano di diminuire la quantità di caffè assunta, poco alla volta. Sempre nei primi giorni che si trascorrono senza caffè aumenta l’aggressività e l’ansia. Tutto questo avviene in particolare in chi è abituato a bere diversi caffè al giorno. Questi sintomi spariscono presto.

E’ vero che chi smette di bere il caffè ha attacchi di fame? Sì quando si smette di bere caffè, nelle prime settimane, potrebbero aumentare gli attacchi di fame. Tutto questo perché il caffè aiuta ad attutire il senso di fame. Chi non vuole perdere questo “beneficio” del caffè e non vuole più assumere caffè può controllare gli attacchi di fame improvvisi con la frutta secca. Questo tipo di frutta è da consumare come spuntino ma si può anche assumere con degli infusi freddi ma senza zucchero. Attenzione perché gli attacchi di fame dopo avere sospeso il caffè durano circa una settimana. La caffeina aiuta la motilità intestinale. Ecco perché non prendere più caffè fa soffrire di stipsi. In questo caso esistono numerose alternative per regolarizzare l’intestino: dal pieno di fibre a quello di acqua fino all’attività fisica.

E’ vero che chi smette di bere il caffè ha benefici nel sonno? Sì. Quando si smette di bere il caffè si migliora la qualità del sonno. Quando si beve caffè, soprattutto nel pomeriggio o la sera, si mette a rischio infatti, il proprio riposo. Secondo una ricerca pubblicata sul  Journal of Clinical Sleep Medicine, assumere caffeina fino a sei ore prima di coricarsi, può  davvero rovinare il riposo notturno. In particolare la fatica diventa maggiore in quanti non si addormentano subito. Quando si sospende il caffè ci si addormenta molto più facilmente e durante il giorno si starà anche più tranquilli.

E’ vero che chi smette di bere il caffè ha benefici anche per lo stomaco? Sì. Chi non prende più caffè avrà dei benefici in caso di reflusso. Quando si smette di prendere caffè si ha un sollievo evidente per lo stomaco. Per chi vuole può sostituire il caffè con l’orzo, ma anche con infusi di curcuma o malva. Non bevendo caffè si avranno benefici anche all’intestino e in particolare a quanti soffrono di colon irritabile. In questo caso si riducono i crampi intestinali. In quanti nei primi giorni di astinenza da caffè dovrebbero arrivare la stanchezza si può sopperire bevendo più acqua e consumando più frutta e verdura. Altri benefici del non bere più caffè sono i denti più bianchi ed il sorriso più bello. I denti, infatti, saranno subito più bianchi non appena non si berrà più caffè che, purtroppo, tende a macchiarli. Chi decide di non bere più caffè potrebbe dimagrire. L’assenza di caffè, infatti, fa risparmiare centinaia di calorie, a tutto vantaggio del giro vita e della linea.