Cosa succede a chi mangia datteri tutti i giorni? Ecco la verità

622

I datteri costituiscono un frutto di origine esotica e dal sapore particolarmente dolce. Vi siete mai chiesti da quale pianta abbiano origine i datteri? Bene, sicuramente le palme ma non tutte le palme producono datteri, esiste una tipologia di palme ben precise che origina questi frutti chiamata “Phoenix Dactylifera” comunemente nota come “palma da datteri”.

Questo albero ha un aspetto longilineo ed imponente, può raggiungere i 20 o 30 metri di altezza e si trova soprattutto nell’Africa settentrionale e nell’Asia occidentale. Il dattero è dunque un frutto caratteristico dei Paesi a clima caldo: infatti, viene coltivato nelle aree del Mediterraneo, in Arabia, nel Golfo Persico, nelle Canarie ed in America Meridionale.
La palma da datteri è una pianta nota per la sua longevità e produttività: alcune specie iniziano a produrre frutti già dopo tre anni e possono vivere addirittura fino a tre secoli; in determinate condizioni, soprattutto durante la piena maturità della pianta, cioè a circa 30 anni, i datteri prodotti annualmente da una palma possono arrivare fin oltre i 50 chili.

I datteri possono essere mangiati da soli oppure possono costituire un ingrediente per la preparazione di dolci e dessert. Si dice che è necessario mangiare 3 datteri al giorno per godere di tutti i loro benefici. Sì, perché i datteri contengono numerose proprietà importanti per l’organismo e sono un ottimo alimento che può essere consumato per ricavare energia in un lasso di tempo veramente breve. Dunque, consumare tre datteri al giorno ogni giorno, a patto che non si abbiano allergie o patologie particolari come il diabete, rappresenta un vero toccasana per la nostra salute.

Le proprietà dei datteri

  • Aumentano l’energia

Tre datteri al giorno forniscono all’organismo una carica di energia fuori dal comune. Un’ottima scelta è quella di inserirli a colazione, magari accompagnandoli ad uno yogurt greco. L’energia fornita dai datteri è resa possibile dalla presenza al loro interno di zuccheri naturali come glucosio, fruttosio, saccarosio, i quali conferiscono immediatamente un’esplosione di energia. Inoltre, i datteri contengono anche un quantitativo non indifferente di fibre ed elementi come potassio, magnesio, vitamine e antiossidanti che aiutano a mantenere il corpo in salute.

  • Migliorano la digestione

Proprio grazie all’abbondanza di fibre presenti al loro interno, i datteri sono perfetti per migliorare la digestione e combattere la stitichezza. Mangiare tre datteri al giorno, in modo costante, aiuta l’apparato digerente a lavorare meglio, favorendo il processo digestivo. Una sola porzione di datteri contiene 12 grammi di fibra vale a dire il 48% della dose giornaliera di fibra raccomandata.

  • Mangiarli aiuta a prevenire alcune malattie oncologiche

E’ stato osservato dalla comunità scientifica che il consumo regolare di datteri aiuti a prevenire alcune malattie oncologiche come il tumore al colon. E’ stato proprio uno studio condotto dal Department of Food and Nutritional Sciences che ha scoperto, per l’appunto,  che i soggetti che consumavano una quantità costante di datteri nel tempo (circa 3 datteri al giorno per un lasso di tempo molto lungo) godeva di una maggiore salute del colon.

  • Promuovono la salute cardiovascolare

Il consumo costante di datteri è in grado di ridurre il rischio di ictus. Inoltre aiutano a migliorare i livelli di colesterolo grazie alla presenza di potassio che abbassa il colesterolo LDL (quello cattivo), inoltre, i datteri sono in grado di regolare anche la pressione arteriosa.

  • Mangiarli fa bene al cervello

Grazie alla presenza considerevole di magnesio e vitamina B6, i datteri aiutano il cervello a lavorare meglio, contribuendo all’aumento delle funzioni cerebrali e della memoria. La vitamina B, inoltre, è capace di stimolare la produzione di serotonina motivo per cui mangiare datteri è in grado di farvi cambiare l’umore in positivo e di abbassare i livelli di stress.

Attenzione

Ovviamente, per far si che portino benefici alla salute, è sempre meglio preferire i datteri freschi preferibilmente provenienti dai paesi di origine (come i datteri tunisini o marocchini). Infine concludiamo l’articolo con un’importante raccomandazione: essendo frutti esotici prima di iniziare a mangiarli assiduamente è meglio essere certi di non aver alcun tipo di problema di allergie e di non soffrire di patologie che potrebbero peggiorare con il loro consumo, come il diabete o la sindrome del colon irritabile.