Mangiare pasta tutti i giorni fa bene? La risposta sorprende tutti

1229

Succede spesso che quando si comincia una dieta la prima cosa che si fa è eliminare del tutto la pasta e in generale i carboidrati dalla propria alimentazione. Si è soliti identificare la pasta come un alimento che faccia ingrassare. In realtà questa è solo una credenza, non è mai consigliato eliminare del tutto i carboidrati dalla propria dieta, sarebbe meglio ridurre i quantitativi. Ad esempio invece di mangiare 100 grammi di pasta al giorno, sarebbe meglio consumarne un pò meno, ma la porzione di carboidrati adatta al nostro organismo dipende a molti fattori. Ad esempio dipende dall’età, dal sesso, dallo stile di vita, dallo sport che si pratica, quindi non tutti possiamo consumare lo stesso quantitativo di carboidrati in un giorno.

Nella dieta mediterranea la pasta non si elimina, al massimo si riduce la porzione e si preferisce condirla in modo più leggero, è il condimento della pasta che potrebbe far aumentare notevolmente il suo apporto calorico, ad esempio, potreste preferire dei legumi, delle verdure, un sugo di pomodoro, del tonno, magari evitando di utilizzare troppo sale, troppo olio, burro, panna e via dicendo. Ma non si consiglia assolutamente di eliminare del tutto la pasta dalla propria dieta.

Benefici della pasta

Se siamo stressati, se soffriamo d’insonnia, se siamo in menopausa o se soffriamo di sindrome premestruale la pasta può essere molto utile. Questo perché favorisce la sintesi di serotonina e di melatonina quindi ha un effetto rilassante e facilita il riposo. Inoltre, la serotonina procura una sensazione di benessere, ed è sintetizzata proprio dal glucosio liberato dalla pasta. Ancora, la pasta è energia pura. Essendo facilmente digeribile, riesce a fornire energia da spendere immediatamente. Infine se è vero che la pasta è un carboidrato, è anche quello che avrebbe il più basso indice glicemico, ovvero favorirebbe la protezione del cuore.

Quale pasta preferire?

Tanto per cominciare, sarebbe da evitare la pasta scotta e assolutamente da preferire la pasta al dente. Non solo la pasta al dente avrebbe un indice glicemico più basso, ma garantirebbe anche un maggior senso di sazietà.

Poi sarebbe meglio consumare la pasta integrale. Infine meglio la pasta di grano duro e soprattutto gli spaghetti.  Oltre ad essere buonissimi, hanno un indice glicemico più basso e sono adatti a chi deve perdere peso.