L’alloro fa abbassare il colesterolo? Ecco la verità

134

L’alloro, conosciuto botanicamente con il nome di Laurus nobilis, è una pianta aromatica e officinale che appartiene alla famiglia delle Lauraceae. L’alloro si presenta spesso come arbusto di dimensioni variabili, ma, è un vero e proprio albero, ha i rami sottili, il legno è molto aromatico. Le foglie sono di colore verde scuro, coriacee, lucide nella faccia superiore ed opache nella faccia inferiore, anch’esse molto profumate.

Proprio le foglie sono quelle che si utilizzano sia in cucina che a scopo terapeutico, il loro consumo determina una serie di benefici per il nostro organismo, che andremo a vedere successivamente, dunque continuate la lettura.

I suoi frutti sono drupe di colore nero, ma lucide quando diventano mature e contengono un solo seme. Queste bacche maturano nel periodo che va da ottobre a novembre.

L’alloro fa abbassare il colesterolo?

Le foglie di alloro solitamente si utilizzano come condimento. Si tratta di una pianta che ha un gusto gradevole e viene usato in tutto il mondo. Le sue proprietà benefiche, però, lo rendono adatto anche per un impiego molto più esteso rispetto a quell’uso classico di insaporitore delle pietanze. Rappresenta un rimedio naturale molto prezioso. Le foglie di alloro sono un ottimo rimedio naturale indicate nei casi di ipertensione, diabete e colesterolo alto. Quindi la risposta al quesito è si, il consumo di alloro favorisce la riduzione del colesterolo alto.

Mangiare l’alloro ogni giorno fa bene o fa male?

In linea generale, l’alloro, salvo alcune patologie particolari o allergie, non ha particolari controindicazioni. Ricordiamo che un abuso di qualsiasi alimento può avere degli effetti negativi sulla nostra salute.

L’alloro è meglio se si consuma fresco e crudo, perché quando diventa secco, vuol dire che ha subito un processo di disidratazione, per cui, gran parte dei suoi nutrienti è andato perduto, in questo caso i benefici non sono molti. Dunque mangiare l’alloro fa bene.

Benefici apportati dall’alloro

Sin dai tempi antichi, l’alloro, è stato utilizzato per le sue proprietà benefiche, come pianta officinale dalle proprietà curative, quindi è un vero toccasana per la salute.

APPORTA BENEFICI AI CAPELLI
Tra i rimedi naturali, utilizzati sin dai tempi antichi, suggeriscono che bere un infuso a base di alloro aiuta a prevenire la caduta dei capelli e aiuta anche a ridurre la forfora. Preparare un infuso all’alloro è molto semplice, sarà sufficiente aggiungere a dell’acqua bollente qualche foglia si alloro e bisogna attendere che l’infuso diventati tiepido, a questo punto lo si può sia bere, sia utilizzare per risciacquare i capelli, dopo aver utilizzato lo shampoo.

FAVORISCE LA DIGESTIONE
Come detto poco fa, l’infuso a base di alloro può essere anche bevuto. Bere un infuso di foglie d’alloro aiuta a regolare e anche a migliorare la digestione, specialmente quando si mangia più del solito e ci si sente gonfi. L’alloro, infatti, ha proprietà diuretiche che favoriscono l’eliminazione delle tossine che si accumulano nel corpo, ma, apporta anche degli enzimi che vanno a migliorare il processo digestivo.

FA BENE AL CUORE
L’alloro contiene due principi attivi che sono la rutina e l’acido caffeico, che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo, di conseguenza ciò sarà benefico nei confronti del cuore e di tutto l’apparato circolatorio.

OTTIMO IN CASO DI CONTUSIONI
L’alloro ha anche proprietà antinfiammatorie, per questo motivo, sin dai tempi antichi, lo si utilizza come rimedio contro i dolori da contusioni o da problematiche muscolari. Bisogna ottenerne una pasta, sminuzzando le foglie ed unirle ad un olio, ad esempio con dell’olio di ricino.

FA BENE ALL’APPARATO RESPIRATORIO
L’alloro è anche molto efficace contro la tosse, il raffreddore, facilita la riduzione dei batteri. E’ consigliabile fare dei suffumigi e i sintomi dell’influenza spariranno.