Juventus, valanga sulla Roma: è semifinale

33
Juventus

Con una strabiliante prestazione sfoderata soprattutto nel primo tempo, la Juventus abbatte la Roma e conquista la semifinale di Coppa Italia. I bianconeri, che da qualche tempo a questa parte hanno mostrato notevoli miglioramenti nel loro gioco, hanno chiuso virtualmente i conti già durante la prima frazione di gara, limitandosi a gestire le energie in una ripresa in cui i giallorossi, pur se rimaneggiati, hanno provato a compensare con una determinazione fuori dal comune.

JuventusGara in discesa per la Juventus, che dopo una partenza poco brillante inizia a mettere alle corde gli uomini di Fonseca. Dopo 25 minuti di sostanziale equilibrio, i bianconeri rifilano delle bordate micidiali, dalle quali la Roma non riuscirà a riprendersi più. Ad aprire le danze è Cristiano Ronaldo: il portoghese, servito da Higuain, azzanna la fascia destra e con un mancino chirurgico fulmina Pau Lopez. Il raddoppio lo firma Bentancur, autore di un’azione personale incontenibile nell’area avversaria. C’è ancora lo spazio per il tris, arrivato ai minuti di recupero: lancio di Douglas Costa sugli sviluppi di un corner, Bonucci incorna con potenza e mette in ghiaccio il risultato.

La ripresa si riassume principalmente nei primi 5 minuti, in cui avviene di tutto. Dapprima la Roma sfiora il gol della speranza, con un destro di Pellegrini deviato da Buffon; il tap-in di Kalinic, smarcato, si infrange sul palo. Capovolgimento di fronte, e stavolta è la Juventus a sprecare: cross perfetto di CR7, l’incornata di Higuain colpisce l’incrocio. Pochi istanti e stavolta la rete arriva davvero, sponda giallorossa: Under approfitta dello scarso pressing dei difensori bianconeri, lascia partire un sinistro che, dopo aver colpito la traversa, tocca la mano dello sfortunato Buffon e scivola in rete. Gli altri 40 minuti riservano puro spettacolo, con diverse prodezze dei rispettivi portieri ma zero marcature. I bianconeri tornano in semifinale di Coppa Italia, dove affronteranno la vincente tra Milan e Torino.