Serie A, la formazione ideale delle cessioni invernali

58
Serie A

Oramai ci siamo lasciati alle spalle la sessione invernale di calciomercato, rivelatasi a dir poco scoppiettante per quanto riguarda la Serie A. Il campionato italiano ha avuto la possibilità di accogliere grandi campioni dall’estero: il veterano Zlatan Ibrahimovic, per lui un clamoroso ritorno, ha deciso di accettare la corte del suo ex club, il Milan. O ancora è da segnalare l’arrivo di Christian Eriksen, elegante centrocampista danese arrivato a rinforzare la mediana dell’ Inter. Ogni medaglia, però, ha il proprio rovescio, e son stati parecchi anche i giocatori che hanno effettuato il percorso inverso. Andiamo a scoprirli.

Serie AIl Milan aveva necessità di alleggerire il pesantissimo monte ingaggi, regalando ben quattro giocatori alla formazione ideale delle cessioni di questo gennaio. Per l’occasione, nel modulo 4-4-2 da noi prescelto, il portiere è proprio un ex rossonero: Pepe Reina, accasatosi all’Aston Villa. In difesa, a destra troviamo Alessandro Florenzi: l’ex capitano giallorosso ha clamorosamente lasciato la Roma negli ultimi giorni di mercato, sbarcando al Valencia. Sulla sinistra, invece, l’ex Milan Ricardo Rodriguez si è accordato con il PSV. Al centro, la Lazio cede Durmisi al Nizza, mentre la Sampdoria gira Murillo al Celta Vigo.

A centrocampo, l’ Inter ha bocciato Lazaro: l’esterno austriaco lascia la Serie A dopo pochi mesi impalpabili, andando al Newcastle. Al centro, troviamo Emre Can, venduto dalla Juventus al Borussia Dortmund per circa 30 milioni. Il tedesco compone la mediana con Dzemaili, girato dal Bologna allo Shenzen. L’esterno mancino non può che essere Suso, la grande delusione della prima parte di stagione: il Milan ha ceduto lo spagnolo al Siviglia. Infine, la coppia offensiva. Il veterano Mario Mandzukic, ormai fuori dai progetti della Juventus di Maurizio Sarri, si è accasato con i qatarioti dell’Al-Duhail. Infine, il polacco Piatek: il pistolero si è arrugginito in questi mesi, e il Milan l’ha ceduto senza troppi ripensamenti all’Hertha Berlino.