Harakiri Juventus a Milano, ma lo Scudetto è più vicino

92
Juventus Cristiano Ronaldo

Poteva mettere il punto esclamativo sulla corsa scudetto nello storico tempo del Beppe Meazza di San Siro, ma il clamoroso suicidio maturato dopo il momento 0 – 2 di Cristiano Ronaldo ha in qualche modo allungato i tempi della conquista di uno Scudetto che appare comunque più vicino. Il passo falso compiuto dalla Lazio a Lecce rende infatti meno amara la clamorosa sconfitta della Juventus, rimontata da un Milan che nel giro di qualche giorno è riuscito a demolire la prima e la seconda della classe. Un biglietto da visita niente male per Stefano Pioli, che però difficilmente verrà riconfermato per la prossima stagione. I tifosi rossoneri, ad ogni modo, non dimenticheranno le imprese di Ibrahimovic e compagni, specialmente con una rimonta destinata a entrare nella storia.

Juventus Cristiano RonaldoDopo un primo tempo tutto sommato equilibrato, è la Juventus a cominciare la ripresa con il piglio giusto, e a mettere a segno un uno-due apparentemente micidiale. Rabiot, in crescita nelle ultime settimane, realizza il primo gol con la casacca bianconera con una vera e propria magia: un coast to coast da centrocampo, con tunnel a Hernandez e sinistro a incrociare imprendibile per Donnarumma. Un pasticcio di Kjaer e Romagnoli favorisce Cristiano Ronaldo per lo 0 – 2, ma quando tutto sembra finito la Vecchia Signora improvvisamente sparisce dal campo. La rimonta rossonera viene architettata nell’arco di tempo di appena cinque minuti, a cominciare dal rigore trasformato da Ibrahimovic (fallo di mano in area di Bonucci) per passare alle zampate di Kessié e del subentrato Leao. Maurizio Sarri prova a scuotere la Juventus con una girandola di sostituzioni, ma i bianconeri mentalmente non ci sono più. Proprio Alex Sandro, entrato in vece di Cuadrado, commette un errore imperdonabile regalando a Rebic il gol del definitivo 4 – 2. Juve che rimane dunque a quota 75, e conserva un vantaggio di 7 punti sulla Lazio. Il Milan invece sale a 49 punti, e alimenta le speranze per l’Europa League.